Green influencer zero waste Diana3erres

Green influencer: Diana3erres, una vita zero rifiuti

Share on Social

Diana3erres è una green influencer che cerca di sensibilizzare le persone su una vita con zero rifiuti.

Vivere in modo salutare e nel rispetto dell’ambiente, buono per il corpo.

Racconta una pillola di sostenibilità al giorno.

I temi ambientali che tratta

  • Cura personale
  • In azione
  • Ricette di cucina
  • Eco viaggi
  • Slow fashion
  • Pulizia green

Tutti questi temi Diana li affronta basandosi sul suo motto di vita zero rifiuti.

Nelle stories in evidenza e nei post troviamo tutta la guida di Diana da seguire per combattere i cambiamenti climatici in modo zero waste:

  • “Cura personale” troviamo consigli per trattare i capelli con shampoo & detox green bicarbonato e aceto di mele, con la ricetta completa per realizzarlo. Trattamento unghie con spicchi di aglio, pettini in bamboo e uso di saponette organiche.
  • “In azione” trovano spazio contenuti infografici per combattere contro i cambiamenti climatici, le 5 R del zero waste, momenti di vita di Diana mentre agisce senza usare plastica e compostaggio.
  • “Ricette di cucina” sono mostrati piatti vegani e come realizzarli come le taquitos veganos, ma non solo anche come riutilizzare il cibo in cucina ed evitare sprechi.
  • “eco viaggi”, cosa portare con sè per una vacanza sostenibile, ad esempio portare con sè la propria borraccia, scegliere strutture sostenibili, posate in bamboo, visitare posti a contatto con la natura come Eh Balah, zona archeologica che lei ha visitato.
  • “Slow fashion”, usare vestiti di seconda mano, ha mostrato un bazar dove trovare questi prodotti. outfit sostenibili, ha creato una lista di vestiti da comprare per essere sostenibili, la moda green.
  • “Pulizia green”, trovare detergenti ecologici come vino, piante aromatiche e agrumi(lime o limone).

Intervistiamo Diana3erres

 

 

SEGUICI SUI NOSTRI PROFILI SOCIAL

Quando e perché hai iniziato a sensibilizzare sui social media sui cambiamenti climatici?

Ho iniziato intorno al 2017, 2018 e ho iniziato perché sentivo che tutti attribuivano la responsabilità al governo e alle grandi società e dicevano “Oh, questo cambierà quando il governo stabilirà leggi sufficienti per impedire alle grandi società di fare danni all’ambiente” o “Questo cambierà quando le grandi società che producono plastica e sostanze tossiche quando smetteranno di metterle sul mercato”.

Poi mi sono chiesto “perché? Perché questo finirà con loro? ”

Se siamo persone che vivono con quelle leggi, se siamo le persone che stanno comprando da quelle grandi corporazioni.

Quindi, la risposta deve essere su di noi e non su di loro. Cosa facciamo noi persone normali, come cittadini normali, possiamo fare per l’ambiente.

Quindi la domanda è arrivata: se noi, come consumatori, decidiamo di non acquistare da queste grandi società, allora capiranno che abbiamo bisogno di qualcos’altro.

Prodotti diversi, materiali diversi, con prodotti atossici. Quindi ho deciso di condividerlo con le persone, con tutti, ho deciso di condividerlo con tutti quelli con cui potevo parlare.

E ho deciso di condividere il mio messaggio tramite Instagram, perché lì possiamo condividere molte informazioni in così tanti formati divertenti, possiamo divertirci mentre impariamo ed è un modo davvero interessante per interagire con la comunità.

Così ho deciso di creare una community decisa a tutelare l’ambiente e oggi condivido molte storie e molti post sul mio profilo IG su piccole azioni, piccoli passi che possiamo fare per proteggere il nostro pianeta.

Qual è la giornata tipo di un zero waster?

Una giornata tipo della mia vita, essendo un zero waster … beh, non esiste una giornata tipo.

L’unica cosa che le mie giornate hanno in comune è che sto sempre valutando se ho davvero bisogno di qualcosa.

Mi chiedo sempre se quello che sto per acquistare o ricevere mi rende davvero felice o se posso aspettare e non danneggiare il pianeta.

Perché tutte le nostre azioni come consumatori, che vivono in questo mondo capitalizzato, hanno un impatto sull’ambiente, quindi ogni minuto di ogni giorno prendo una decisione e quelle decisioni sono ciò che ci fa prendere cura o danneggiare il nostro pianeta.

Quindi una giornata tipo fondamentalmente sta decidendo di non danneggiare l’ambiente.

Ad esempio, scelgo di andare al mercato locale perché so che la frutta e la verdura vendute lì sono meno dannose per l’ambiente perché sono locali quindi producono meno emissioni. So che questo è meno dannoso.

Un altro esempio è se ho la necessità di andare al supermercato, che so che c’è molta plastica, allora decido di portare il mio topper, la mia borsa, le mie borse, così posso evitare quelle plastiche.

E un altro esempio è che posso scegliere di non comprare del cibo ad esempio, per strada, perché sono confezionati su plastica. Quindi decido di non comprare quelle cose. Decido io come acquistare il cibo e fa bene all’ambiente e fa bene al mio corpo.

Conclusione

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro?

Per il futuro, sto cercando di condividere questa misura con sempre più persone, e sto studiando e cercando altri modi in cui posso condividere queste informazioni con loro. Quindi sto ancora provando, sto ancora cercando cosa posso fare.

Grazie per aver condiviso la tua esperienza e per raccontare quello che fai a tutti noi, insieme possiamo fare la differenza!

SEGUICI SU INSTAGRAM


Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *