sei armi della persuasione sostenibile

Le sei armi della persuasione sostenibile

Share on Social

Che cosa sono le armi delle persuasione sostenibile e come possono aiutarci a salvare il Pianeta?

Ecco le due linee guida che seguiremo in questo blog post sui principi della persuasione di Robert Cialdini, celebre professore universitario dell’Arizona State University.

Le sei armi della persuasione possono essere declinati in un’ottica di sostenibilità ed è questa la strada che stanno seguendo da alcuni anni le agenzie di comunicazione e i brand per sensibilizzare alle tematiche green.

Pronto?

Quali sono le armi della persuasione sostenibile?

I principi cardine delineati da Robert Cialdini nel suo libro “Le armi della persuasione” sono:

  • reciprocità;
  • impegno e coerenza;
  • riprova sociale;
  • simpatia;
  • scarsità;
  • autorità.

Reciprocità

Sentiamo il bisogno di ricambiare un favore ricevuto. L’autore de “Le armi della persuasione” fa riferimento alla teoria del dono come base per spiegare un sentimento di reciprocità.

Nel caso che ci sta a cuore l’essere umano dovrebbe ricambiare i favori che gli sono stati concessi dalla terra, preservandola, conservandola ed eliminando le possibili fonti di inquinamento dell’ecosistema.

Impegno e coerenza

Sono due facce della stessa medaglia perché quando prendiamo una posizione difficilmente siamo disposti a cedere facilmente.

Questa arma della persuasione sostenibile può essere efficace nella lotta contro la diffidenza altrui dinanzi ad argomenti come il cambiamento climatico, l’innalzamento del livello dei mari e lo scioglimento dei ghiacciai.

Per esempio, la partecipazione a manifestazioni come i Fridays for Future sarà coerente solo se ti impegni a non fumare più o a non gettare le cicche per strada.

Prendere una posizione netta, a maggior ragione se avvalorata da autorevoli ricerche scientifiche, è la soluzione giusta se ami il Pianeta.

Riprova sociale

Siamo abituati a dare molto credito alle azioni che fanno gli altri e tendiamo a seguire le loro azioni perché siamo profondamente pigri.

Un atteggiamento del genere potrebbe essere deleterio per la salvaguardia dell’ecosistema terrestre.

Ti faccio un esempio. Se le persone della tua città non facessero la raccolta differenziata, dovresti essere tu a scuotere le coscienze facendo capire i reali benefici del corretto smaltimento dei rifiuti.

Non aspettare gli altri per qualcosa che chiede un tuo intervento oggi.

Simpatia

Tendiamo a prestare attenzione alle persone che ci piacciono. In particolare, tra le armi della persuasione questo principio potrebbe rivelarsi particolarmente efficace per sviluppare le dinamiche della relazione tra due o più persone.

Entriamo in relazione e preferiamo chi ci fa i complimenti e chi la pensa come noi. Probabilmente, il successo di Greta Thunberg si spiega con questo principio piuttosto che con quello dell’autorità che vedremo tra poco.

Scarsità

Forse è una delle armi della persuasione sostenibile più abusate dai brand green. Questo principio fa leva sulla desiderabilità di qualcosa che rischia scomparire nel breve periodo.

Per esempio, quando si parla dell’estinzione ormai prossima di qualche specie animale, diversi attivisti e associazioni si mobilitano affinché venga fatto tutto il possibile per preservare quella vita.

Perché non vengono profusi gli stessi sforzi prima, quando sarebbe stato più facile aiutare l’animale in questione?

Semplice. Abbiamo più paura di ciò che rischiamo di perdere che dalla speranza di guadagnare qualcosa di più.

Autorità

Crediamo nelle idee delle persone di cui riconosciamo la competenza e la credibilità. Tra le armi di persuasione sostenibile è quella che può giocare un ruolo cruciale presso l’opinione pubblica e i media.

L’ascesa dell’attivista Greta si spiega con il principio della simpatia, ma anche con quello dell’autorità che è stata in grado di crearsi con il passare dei mesi.

Quando ci informiamo riguardo il cambiamento climatico è bene seguire fonti autorevoli e scientifiche per evitare di incappare nelle tante fake news che girano in questo periodo.

Articolo correlato

Green Branding
Cos’è il green branding?

Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *