salice

Piante e alberi aspira sostanze inquinanti

Share on Social

In questo articolo scopriamo insieme un modo semplice per bonificare e purificare i terreni contaminati dall’attività dell’uomo.

Esistono alcune piante ed alberi con grandi capacità di aspirare sostanze inquinanti nel suolo e di bonificarlo in modo naturale.

Il meccanismo usato dalle piante per pulire il suolo dagli inquinanti, è offerto dall’interazione tra radici, funghi e batteri.

 

7 aspira sostanze inquinanti

Di seguito troviamo una lista di piante e alberi che purificano il suolo:

  1. Il miscanto, una pianta originaria dell’Asia centrale ha la proprietà di aspirare le sostanze nocive del terreno quali metalli pesanti e di ripristinare suoli degradati. Viene impiegata anche per produrre biomassa energetica e paste vegetali per l’industria della carta.
  2. Il salice, un albero originario della Cina in grado di assorbire gli idrocarburi in maniera efficace, come dimostrato dalla ricerca di due Università canadesi. Il processo è semplice. Sono forniti gli zuccheri ai funghi che vivono intorno alle radici. A loro volta, i funghi forniscono nutrienti ai batteri che sono così abbattono gli idrocarburi.
  3. I pioppi, definiti “mangia plastiche”, assorbono i composti chimici derivati dalla plastica, tra questi in particolare gli ftalati riducendo il loro impatto ambientale.
  4. La Senape indiana elimina piombo, cesio, cadmio, nichel, zinco e selenio dall’ambiente.
  5. Il girasole elimina nichel e cromo.
  6. L’erba medica “Alfa Alfa” o “erba spagnola” purifica ed arricchisce il suolo poiché è un azotofissatore in quanto la sua coltivazione rigenera naturalmente il terreno di azoto, il quale diminuisce invece drasticamente dopo ogni coltivazione.
  7. Il Tabacco e la canapa hanno la proprietà di assorbire in piccola parte l’inquinamento del suolo. Tuttavia, a differenza delle altre piante, ha un effetto negativo, cioè aspira la CO2 nelle foglie che poi sono prodotte e commercializzate. Così i 2 prodotti diventano altamente nocivi per la nostra salute. Cosa aspettate per smettere di fumare?

 

Perché rigenerare il terreno con rimedi naturali?

Usare le piante per rigenerare il terreno è un rimedio naturale, sostenibile, economico ed efficace per ripristinare aree contaminate.

Dal punto di vista economico comporta un risparmio notevole in materia di soldi spesi.

Si pensi che per la bonifica di Bagnoli a Napoli sono stati stanziati 320 milioni.

Non solo si poteva ripulire il terreno dalle sostanze inquinanti in modo naturale, ma anche donare un polmone verde per la città capace di aspirare tanta CO2 emessa nell’atmosfera.

La natura è perfetta, ripara ogni danno che l’uomo arreca. A volte, abbiamo le soluzioni a portata di mano ma non ce ne rendiamo conto.

È arrivato il momento di allearsi con la natura e di smettere di distruggerla prima che sia troppo tardi.

P.S. Non vuoi perderti gli aggiornamenti di Climate change is real?


Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *