Cos’è l’inquinamento acustico e perché evitarlo

inquinamento acustico: cause ed effetti
Share on Social

Non tutto il suono è considerato inquinamento acustico.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce il rumore superiore a 65 decibel (dB) come inquinamento acustico. Per essere precisi, il rumore diventa dannoso quando supera i 75 decibel (dB) ed è doloroso sopra i 120 dB.

Di conseguenza, si raccomanda di mantenere i livelli di rumore al di sotto di 65 dB durante il giorno e indica che un sonno ristoratore è impossibile con livelli di rumore ambientale notturno superiori a 30 dB.

In questo blog post scopriamo cos’è l’inquinamento acustico e quali sono gli effetti sulla salute umana analizzando rischi e rimedi.

Quali sono gli effetti dell’inquinamento acustico?

Oltre a danneggiare il nostro udito provocando – tinnito o sordità , il rumore forte e costante può danneggiare la salute umana in molti modi, in particolare nei giovanissimi e negli anziani.

Ecco alcuni dei principali:

  • Fisico
    Agitazione respiratoria, battito cardiaco accelerato, pressione alta, mal di testa e, in caso di rumori estremamente forti e costanti, gastrite, colite e persino attacchi di cuore.
  • Psicologico
    Il rumore può causare attacchi di stress, stanchezza, depressione, ansia e isteria sia negli esseri umani che negli animali.
  • Disturbi del sonno e comportamentali
    Un rumore superiore a 45 dB ti impedisce di addormentarti o dormire correttamente. Come detto, secondo l’OMS, non dovrebbe essere superiore a 30 dB. Il rumore forte può avere effetti latenti sul nostro comportamento, provocando comportamenti aggressivi e irritabilità.
  • Memoria e concentrazione
    Il rumore può influire sulla capacità di concentrazione delle persone, il che può portare a prestazioni ridotte nel tempo. Fa anche male alla memoria, rendendo difficile lo studio.

È interessante notare che le nostre orecchie hanno bisogno di più di 16 ore di riposo per compensare due ore di esposizione a 100 dB.

Quali sono le cause dell’inquinamento acustico?


Le fonti di inquinamento acustico sono molte, ma ecco alcune delle principali:

  • Rumore del traffico
    Il rumore del traffico rappresenta la maggior parte dei rumori inquinanti nelle città. Ad esempio, un clacson produce 90 dB e un bus produce 100 dB.
  • Rumore del traffico aereo
    Ci sono meno aeromobili che sorvolano le città che auto sulle strade, ma l’impatto è maggiore: un singolo aereo produce 130 dB.
  • Siti di costruzione
    I lavori di costruzione di edifici e parcheggi e di rifacimento di strade e pavimentazioni sono molto rumorosi. Ad esempio, un trapano pneumatico produce 110 dB.
  • Ristorazione e vita notturna
    Bar, ristoranti e terrazze che fuoriescono quando il tempo è bello possono produrre più di 100 dB. Ciò include il rumore di pub e discoteche.
  • Animali
    Il rumore prodotto dagli animali può passare inosservato, ma un cane che ulula o abbaia, ad esempio, può produrre circa 60-80 dB.

Quali sono i rimedi?

Gli organismi internazionali come l’OMS concordano sul fatto che la consapevolezza dell’inquinamento acustico è essenziale per sconfiggere questo nemico invisibile.

Ad esempio: evitare attività ricreative molto rumorose, optare per mezzi di trasporto alternativi come biciclette o veicoli elettrici, anziché prendere l’auto, fare i lavori domestici negli orari consigliati, isolare le case con materiali fonoassorbenti, ecc.

Anche educare le giovani generazioni è un aspetto essenziale dell’educazione ambientale.

I governi possono anche adottare misure per garantire una corretta gestione del rumore e ridurre l’inquinamento acustico.

Ad esempio:

  • proteggere dal rumore alcune aree
  • parti della campagna, aree di interesse naturale, parchi cittadini, ecc.
  • stabilire norme che includano misure preventive e correttive
  • separazione obbligatoria tra zone residenziali e fonti di rumore come aeroporti, multe per eccedenza limiti di rumore, ecc.
  • installazione di isolamento acustico in nuovi edifici,
  • creazione di aree pedonali, e di bici, che tutelano anche l’ambiente, in cui il traffico può entrare solo per scaricare merci in determinati orari,
  • sostituire l’asfalto tradizionale con opzioni più efficienti in grado di ridurre il rumore del traffico fino a 3dB tra gli altri.

Share on Social

0 comments on “Cos’è l’inquinamento acustico e perché evitarlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *