Ambient Marketing: un’arma per il climate change

Ambient Marketing
Share on Social

In questo blog post vi porterò alla scoperta dell’ambient marketing, una tecnica di marketing non convenzionale mostrandovi alcuni esempi virtuosi in tema di sostenibilità.

Cos’è l’ambient marketing?

Si tratta di una tecnica di marketing che utilizza l’ambiente come mezzo di comunicazione per veicolare messaggi di brand o prodotti in contesti alternativi.

L’ambient marketing è la strategia che i brand possono utilizzare per farsi riconoscere e ricordare nell’immaginario dei consumatori, sempre più bombardati da informazioni.

Il successo è legato al fattore sorpresa che facilita la memorizzazione da parte dei consumatori, che non si aspettano di ricevere tali messaggi pubblicitari non convenzionali.

Come vedremo nel corso di questo blog post, una strategia dirompente di green branding può adottare queste soluzioni di ambient marketing per sensibilizzare su un determinato tema.

La differenza con il guerrilla marketing

Spesso l’ambient marketing è sinonimo di guerrilla marketing, mentre non può dirsi il contrario.

Questo perché con guerrilla marketing si fa riferimento ad una tecnica di marketing non convenzionale, che utilizza qualsiasi sistema per veicolare un messaggio attraverso l’effetto sorpresa suscitato.

L’ambient marketing punta sì all’effetto sorpresa, ma richiede come requisito indispensabile l’interazione con l’ambiente circostante in cui entra in contatto il consumatore. Un aspetto che può sembrare marginale, ma non lo è in un’epoca in cui l’attenzione è considerata una risorsa “scarsa”, cioè difficile da ottenere e da mantenere sul lungo periodo.

Perché questa tecnica pubblicitaria può sensibilizzare alla sostenibilità?

Come già scritto nel paragrafo precedente, il forte impatto di questa tecnica pubblicitaria ha riflessi nella sfera comportale del consumatore che:

  • si può trovare di fronte ad un bivio riguardo i comportamenti assunti in precedenza;
  • può essere invitato ad una riflessione su alcuni aspetti come il fumo o l’inquinamento;
  • può allenare l’intelligenza emotiva dinanzi a problematiche come il cambiamento climatico e iniziare a sensibilizzare sul tema i propri cari.

Esempi di ambient marketing con scopi green

In questo ultimo paragrafo passeremo in rassegna alcune celebri campagne pubblicitarie che perseguono obiettivi verdi.

The coughing billboard

Si tratta di un cartellone pubblicitario interattivo realizzato dalla catena di farmacie Hjartat che tossisce quando qualcuno gli fumo accanto. In questo modo si vuole disincentivare il fumo mostrando i spiacevoli effetti sulla salute propria e altrui.

The coughing billboard

Time to go vegan

Jhatka Org

L’Organizzazione indiana ha installato nelle città questi polmoni per mostrare l’impatto dell’inquinamento nell’aria sulla salute, in particolare dei polmoni. L’installazione si basa sui filtri HEPA, che hanno l’obiettivo di misurare la qualità dell’aria.

Singapore Cancer Society

Sanctuary

Comune di Bergamo

Come si evince da questo post le campagne di ambient marketing hanno riflessi significativi anche in termini di Corporate Social Responsibility perché rientrano nella sfera d’azione della Comunicazione Sociale.


Share on Social

0 comments on “Ambient Marketing: un’arma per il climate change

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *