Benefici economici per il climate action

benefici economici per il climate action
Share on Social

Secondo appuntamento con i TedTalk del mese. Argomento di oggi sono i benefici economici per il climate action, cioè i vantaggi dell’azione per contrastare il cambiamento climatico.

Il protagonista del talk è Marcelo Mena, ambientalista e studioso, egli è stato Ministro dell’Ambiente in Cile.

Il Cile si è prefissato di raggiungere le zero emissioni entro il 2050, primo tra i paesi delle Americhe. Il dato è ancora più significativo se si pensa che l’economia del paese andino dipende dalle emissioni di carbone: miniere e agricolture in primis.

Il percorso per raggiungere i benefici economici della climate action sono stati confermati dal Presidente della COP25 Patricia Espinosa che ha puntato forte sulle energie rinnovabili.

Questa azione per il clima segna inevitabilmente l’economia cilena da sempre improntata sui combustibili fossili.

I benefici economici del climate action cileno

Mettere le basi per un cambiamento green significa creare nuove opportunità come nuove professioni, ma soprattutto nuova mentalità.

I benefici economici del climate action cileno possono andare nella riduzione della povertà, uno dei diciassette punti indicati nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Inoltre, una riconversione sostenibile non può prescindere dalla modifica green delle città e trasporti.

Tuttavia, i benefici economici e non del climate action sono anche il nostro pianeta, per le persone che possono respirare aria pulita nelle città e per flora e fauna non più minacciate dal rischio di un imminente cambiamento climatico.

Prima di arrivare a questo punto, però, occorre consapevolezza riguardo un’azione per il clima.

Maturare consapevolezza verso la sostenibilità

Il punto di partenza per il climate action sono state le grandi proteste del 2010-11 che hanno consentito un cambio di paradigma con il venir meno di 6000 megawatt prodotte da centrali a carbone e con la fine del progetto Hidroaysén per la produzione di energia idroelettrica in Patagonia.

Questi cambiamenti sono stati importanti perché le questioni sociali sfociate nelle proteste hanno sottolineato le gravi conseguenze dell’inquinamento sulla popolazione locale gli alti tassi di mortalità in alcune zone.

Le azioni per il cambiamento messe in campo sono state significative, ma gran parte della popolazione del Cile non ritiene sia sufficiente per contrastare le conseguenze del climate change sulla popolazione locale.

L’ambientalista Marcelo Mena sottolinea che gli sforzi compiuti siano frutto di una sinergia tra tre attori:

  • società civile;
  • politica;
  • industria.

In particolare, il settore minerario può essere la soluzione ai problemi perché vengono creati grandi quantità di rame, cobalto e litio che sono necessari per i pannelli solari fotovoltaici e per lo stoccaggio delle batterie. Tuttavia, la sfida più grande sarà rendere questo processo meno impattante e più green possibile.

Secondo Marcelo Mena, per maturare la consapevolezza è necessario mostrare le prove, le conseguenze tangibili delle nostre azioni, per la vita del pianeta. Per esempio, l’aumento dell’inquinamento legato ai fuochi d’artificio che inquinano oppure al barbecue.

La cosa più complicata è mettere in discussione le credenze diffuse, la cultura di un popolo che deve cambiare per amore del pianeta.

Il parallelo con la crisi Covid-19

La pandemia può essere un esempio su come affrontare il cambiamento climatico, in Cile e nel resto del pianeta.

Infatti, è necessario agire oggi per prevenire un impatto più profondo dopo.

We need to take action now to prevent deeper impact later

Marcelo Mena

La capitale del Cile Santiago aveva un tasso di inquinamento tra i più elevati dell’America Latina. Con l’attività di prevenzione è stata ridotta la percentuale che influiva direttamente sull’elevato tasso di mortalità.

Lo stesso tema può essere ricondotto alle misure preventive, come la quarantena, messe in atto per il Covid-19. Spesso, si considera il numero di morti determinato dalla pandemia, ma non si prendono in considerazione le possibili conseguenze di una mancata azione: un numero molto più elevato di decessi.

Benefici economici per il climate action

Hai perso il primo appuntamento con questa rubrica?

Nessun problema!


Share on Social

0 comments on “Benefici economici per il climate action

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *