cambiamento climatico cause

Quali sono le cause del cambiamento climatico?

Share on Social

Oggi approfondiremo quali sono le cause dei cambiamenti climatici partendo dalle azioni umane e poi vedendo in che modo anche l’ambiente può influire.

I cambiamenti generati dall’uomo riguardano lo sviluppo della sua società.

I settori produttivi colpiti dai cambiamenti climatici

Si possono semplificare in 6 settori produttivi:

  • Coltivazione e allevamento
  • Trasporti
  • Produzione industriale
  • Fornitura corrente elettrica
  • Riscaldamento
  • Condizionamento aria

In ambito agricolo, l’uso delle macchine alimentate spesso a gas migliorano la vita dei cittadini ma al tempo stesso peggiorano la qualità dell’aria.

Inoltre cattiva pratica dei cittadini è bruciare le sterpaglie generando protossido di azoto che è gran causa di emissioni nocive per salute e ambiente.

Gli allevamenti intensivi, una grande piaga della nostra società, sono la terza industria più impattante al mondo dopo il settore petrolifero e della moda.

Gli animali sono trattati e tenuti davvero male, sono spesso fatti pesare di più, perchè aumentando il peso sono venduti a peso d’oro.

Più peso più emissioni di C02 causati dalle turbolenze stomacali degli animali, se così vogliamo definirle.

Anche l’uomo se pesa meno, ha meno impatto sul pianeta.

Il settore dei trasporti, sta affrontando invece finalmente un piccolo cambiamento verso l’elettrico, ma spesso si sostiene per errore che il gas è sostenibile e meno inquinante.

Sbagliatissimo.

Il gas metano è anch’esso molto pericoloso e non risolve affatto o genera cambiamenti per la nostra società.

In terza istanza, ecco la produzione industriale, i colossi e le multinazionali giocano un ruolo importante in questa battaglia.

Il commercio elettronico ha aumentato il packaging inutile e alimentato la produzione di plastica in uso.

Trovare prodotti in commercio spacciati per sostenibili, non aiuta l’ambiente.

Altre cause del cambiamento climatico

Il greenwashing è sfruttato dalle aziende per il marketing ma non giova al pianeta in quanto siamo tutti sulla stessa Terra, la nostra casa.

La corrente elettrica è un’altro elemento fondamentale e tra i principali della nostra società, distribuirne a tutti su larga scala è abbastanza complesso.

L’energia principale nel mondo viene ricavata da combustibili fossili, ma ci sono paesi che si muovono verso le tecnologie green, eolico e pannelli solari.

Poi ci sono i riscaldamenti nelle nostre città alimentati anch’essi a gas metano, principali responsabili insieme ai trasporti dell’inquinamento.

Infine i CFC, clorofluoricarburi dei nostri frigoriferi e condizionatori, che da tempo gli scienziati sostengono abbiano un’influenza sul buco dell’ozono in atmosfera.

La natura invece come cambia il clima?

Dal punto di vista astronomico, la posizione del sole rispetto alla Terra è il primo elemento che può cambiare il nostro clima.

La faccia del sole, l’inclinazione rispetto all’asse terrestre può cambiare far diventare una terra calda, fredda e gelata.

Dal punto di vista geologico, ci sono gli eventi naturali che determinano cambiamenti del clima.

I vulcani con le loro eruzioni possono inquinare con la CO2 in atmosfera, ma anche oscurare i raggi solari, raffreddando alcune zone del pianeta.

Le foreste sono termoregolatori delle precipitazioni e fanno sì che piova più spesso e nella quantità giusta per le stagioni.

Gli alberi sono purificatori dell’aria e assorbono la CO2, quindi meno alberi meno possibilità di salvare il pianeta.

Le attività di deforestazione rilasciano approssimativamente il 20 % delle emissioni globali di CO2.

Gli ecosistemi naturali ma non solo, anche gli animali contribuiscono al benessere del clima.

Perciò ogni specie che si estingue, fa pensare agli esperti a una possibile fase di estinzione di massa.

Le balene, ad esempio sono termoregolatori del clima e contribuiscono a non rendere il mare caldo e complicato per la vita.

I loro escrementi assorbono la CO2 nel mare e permettono la vita marina.

Purtroppo però le pratiche di pesca di questi cetacei uccidono due volte noi umani.


Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *