Vegea fashion & design

Green startup: Vegea, fashion & design

Share on Social

Per la rubrica dedicata alle startup green diamo spazio alla realtà di Vegea, nata nel 2016 per la produzione di materiali vegetali innovativi.

In particolare, lo scopo della startup è quella di coniugare chimica e agricoltura per produrre nuovi prodotti eco-sostenibili.

Potrebbe interessarti: TomaPaint, dalle bucce dei pomodori a nuovi packaging sostenibili

 

Cosa significa Vegea e cosa fa?

Il nome della startup deriva dalla combinazione di VEG (vegano) e GEA (Madre Terra) ed è stato scelto per indicare la mission dell’azienda: creare prodotti partendo dagli scarti e derivati vegetali e animali.

I co-fondatori Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino hanno delineato un ciclo di produzione che parte dagli scarti della produzione vinicola per realizzare manufatti di qualità targati Made in Italy.

Un mercato che vede l’Italia come il più grande produttore di vino, circa il 18% della produzione mondiale che si attesta intorno ai 26 miliardi di litri di vino annui. Ne consegue che ogni anno ci sono circa 2,5 chilogrammi di vinaccia da riutilizzare per ogni 10 litri di vino.

Infatti, i produttori vinicoli forniscono gli scarti della filiera del vino che vengono trattati senza l’ausilio di sostanze tossiche o metalli pesanti pericolosi sia per la salute dell’uomo che dell’ecosistema.

 

Quali sono i prodotti Vegea?

I prodotti realizzati da Vegea rientrano nella macro-categoria del fashion & design comprendendo i manufatti realizzati per il settore automobilistico e quello dei trasporti.

 

La partnership con H&M per borse e scarpe

Negli ultimi anni il noto brand di abbigliamento svedese ha stretto una partnership con la startup di Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino.

Il core di questa collaborazione è la realizzazione di scarpe e borse per la collezione H&M Conscious Exclusive collection SS2020.

Tuttavia, il primo riconoscimento di H&M arrivò nel 2017 con la vittoria del premio Global Change Award di Fondazione H&M.

L’idea vincente, che è valsa il montepremi di 300 mila euro ,è stata la Wineleather, cioè un tessuto vegetale derivato da semi e bucce d’uva.

 
H&M – Vegea

Bentley

La nota casa automobilistica utilizza i materiali Vegea per i rivestimenti interni delle proprie vetture. In particolare, la Bentley EXP 100 GT unisce lusso e sostenibilità perché come afferma il CEO della casa automobilistica Adrian Hallmark questa è la strada da perseguire nel settore della luxury mobility.

E tu vorresti lavorare in una startup green?


Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *