Deprecated: Elementor\Utils::is_ajax è deprecata dalla versione 2.6.0! Al suo posto utilizza wp_doing_ajax(). in /home/customer/www/climatechangeisreal.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5211
Quanto tempo abbiamo per salvare il pianeta? - Climate change is real
il tempo per salvare il pianeta

Quanto tempo abbiamo per salvare il pianeta?

Share on Social

Spesso sentiamo la frase “il clima sta cambiando e il tempo per agire sta finendo”.

Ricordiamo però, che finché c’è vita c’è speranza di cambiare le cose.

Nel mondo ci sono tantissimi problemi che attanagliano le nostre società.

Purtroppo, sottovalutiamo i rischi del cambiamento climatico ponendoli in secondo piano rispetto ai problemi di lavoro ed economia.

Senza lavoro non c’è dignità, senza economia non c’è società.

Tuttavia, senza la nostra Terra non c’è vita. I problemi ambientali non possono passare in secondo piano ai problemi della nostra società.

L’ecologia sostenibile deve essere il motore e linfa di nuovi lavori.

Il nostro pianeta è martoriato da continui roghi che infestano aree dell’Amazzonia, Siberia, Africa.

In Italia, Napoli piange la sua “Terra dei Fuochi”, territorio attraversato da continui conflitti criminali e deposito indiscriminato di rifiuti.

I nostri rifiuti vengono vilmente bruciati e a livello istituzionale non c’è sempre un forte intervento.

Sovente, i cittadini soffrono per i grandi mali causati da chi non fa nulla per invertire questa tendenza e predilige un atteggiamento omertoso arrecando danni alla collettività.

Come affermava il sindaco pescatore di Pollica, in provincia di Napoli:

Rispetto per l’ambiente e legalità. 
Queste sono le risorse del domani per la costruzione di una nuova felicità e per una nuova economia.

Noi di Climate change is real crediamo che le nostre guide possano formare e attivare in ogni persona il suo spirito ambientalista e rispettoso verso la natura, gli animali e le persone.

 

Alcuni effetti del cambiamento climatico

Il clima cambia il nostro cibo ed è sempre meno produttivo in termini di prodotti raccolti.

Le proprietà nutritive del nostro cibo sono diventate meno consistenti rispetto a 50 anni fa.

Le nostre piante da frutto stanno attraversando un momento difficile.

In particolare, l’ulivo è contaminato dal batterio della Xylella che ha devastato e fatto deforestare interi terreni in Puglia.

Ma sono tantissime le specie animali e vegetali a rischioI ghiacciai si stanno sciogliendo ad un ritmo sempre più rapido, gli uragani ed i venti soffiano in modo più incessante.

Il Monte Bianco ha perso in 100 anni tantissimo ghiaccio, così come altri ghiacciai in Europa.

 

Allora il tempo per cambiare è finito?

No, non è mai troppo tardi per cambiare.

Sapevamo già dagli inizi degli anni 2000 che era necessario un rapido cambiamento industriale e del nostro modo di produrre.

Gli scienziati ritengono che molte zone nel mondo saranno sommerse tra meno di 100 anni. Oggi si sono mosse piccole speranze con interventi sull’usa e getta in favore dell’ambiente.

Ma ciò non basta! Tocca a noi cittadini smuovere la politica con le scelte giuste di consumo promuovendo l’economia sostenibile.

Il tempo che avremo a disposizione non possiamo saperlo, ma se vogliamo evitare di vedere scene di distruzione e sgomento nel mondo dobbiamo agire cambiando le nostre abitudini nel quotidiano.

Sono certo che la capacità dell’uomo di far fronte comune in questi momenti difficili ci farà superare insieme questi cambiamenti in atto.

Non perderti i nostri aggiornamenti

SEGUICI SUI NOSTRI PROFILI SOCIAL


Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *