Coronavirus deforestazione tra le cause?

Coronavirus: la deforestazione è una delle cause?

Share on Social

La deforestazione dell’area verde dello Yunnan potrebbe essere la causa della diffusione del Coronavirus.

Già nel 2002 le popolazioni locali hanno affrontato l’epidemia della Sars, il pre-coronavirus, che ha provocato centinaia di morti in decine di paesi asiatici.

I sintomi già allora erano di una sindrome respiratoria acuta grave che oggi si presenta più forte nel nuovo ceppo del virus.

Il Sars Cov-2 potrebbe trarre origine dal destino che spetta ai pipistrelli che vivono nelle grotte dello Yunnan nell’est asiatico.

Come la deforestazione influisce sulla diffusione dei virus?

La Cina è divenuta il primo paese importatore di prodotti in legno al mondo dalla metà degli anni 1990.

Il paese asiatico ha costruito tantissime fabbriche per produrre cellulosa in tutto il mondo.

Per soddisfare alla produzione globale di carta sono richiesti molti alberi che sono estratti dalla foresta pluviale del Congo, Camerun, Gabon in Africa, l’Amazzonia in Brasile, le isole indonesiane e vaste aree del territorio asiatico e cinese come lo Yunnan.

In un rapporto del National Geographic è stato analizzato come la prossima pandemia mortale possa nascere dalle forme di vita che stanno perdendo il loro habitat nelle foreste.

Infatti, è stato osservato come in Brasile ci sia una correlazione tra l’aumento del disboscamento e l’incremento della malaria.

L’analisi dimostra come gli sforzi per diminuire il contagio della malattia delle zanzare abbiano diminuito drasticamente il numero di casi dai 6 milioni in un anno nel 1940 ai 50000 nel 1960.

Tuttavia, dall’inizio degli anni 2000 con la deforestazione dell’Amazzonia il numero dei contagi di malaria è aumentato esponenzialmente.

Uno studio di Amy Vittor, epidemiologa all’Emerging Pathogens Institute dell’Università della Florida, ha spiegato il motivo: sembra che disboscare le foreste crei l’habitat ideale per la riproduzione della zanzara.

Infatti, Vittor ha scoperto molte larve all’interno di pozze calde e ombreggiate che si creano vicino a strade ricavate dal taglio degli alberi e nelle pozzanghere dietro ai detriti, dove l’acqua non viene più assorbita dagli alberi. 

Come potrebbe essersi diffuso il Covid-19 dallo Yunnan in tutto il mondo?

Lo Yunnan è una foresta tropicale della Cina ricca di flora e fauna, famosa per la sue formazioni rocciose che ospitano grandi grotte.

Proprio in queste grotte dello Yunnan gli scienziati hanno riscontrato come i pipistrelli siano affetti dal Sars Cov-2.

Per le specie animali questi virus sono cresciuti e si sono sviluppati di pari passo con l’evoluzione rimanendo a contatto con essi.

L’uomo non ha gli anticorpi che possano preservarlo dal Coronavirus non essendo vissuto a contatto con la natura del territorio poiché, negli ultimi 40 anni, lo Yunnan viene disboscato per lasciar spazio alle coltivazioni di tè nel paese.

La deforestazione potrebbe essere una delle cause del Coronavirus perché ha determinato tre conseguenze sul suolo dello Yunnan:

  • siccità a causa della scarsa pioggia;
  • aumento dell’erosione;
  • crollo del raccolto.

L’uomo è arrivato a colonizzare aree prima incontaminate che ha sfruttato, anche per la caccia di animali.

Alcune popolazioni asiatiche nella loro alimentazione creano zuppe a base di pipistrello.

Il possibile fattore scatenante per la diffusione del virus è stata la vendita al mercato di Wuhan della specie del chirottero originaria dello Yunnan, distante solo 960 chilometri dalle grotte.

Successivamente, la diffusione per via orale potrebbe aver favorito lo sviluppo in tutto il mondo, anche per chi non aveva mangiato il brodo di pipistrello.

Conclusione

In attesa delle novità in campo scientifico possiamo affermare che il Coronavirus potrebbe aver trovato un terreno fertile a causa della deforestazione dello Yunnan.

Essere vegani o limitare il consumo di carni potrebbe essere una soluzione importante da adottare per impedire che in futuro si sviluppino virus originati da animali ingeriti dal corpo umano.

Così come smettere di deforestare le aree del nostro pianeta è fondamentale per preservare la nostra vita e la nostra salute.

Coronavirus: gli effetti sull’inquinamento

Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *