inquinamento aria e salute mentale

Inquinamento dell’aria e salute mentale

Share on Social

Qual è la relazione tra inquinamento dell’aria e la salute mentale?

Ecco il punto di partenza di questo guest post degli amici green di XS News, un’iniziativa internazionale guidata da studenti che condensa argomenti complessi in piccole pillole informative.

La pillola informativa che pubblichiamo oggi è stata scritta di Mariana Ortiz e affronta i problemi legati alla qualità d’inquinamento dell’aria e della salute mentale.

Inquinamento dell’aria e salute mentale

Lo studio del Dr. Bakolis

Un recente studio condotto dal Dr. Ioannis Bakolis sugli adulti a Londra, nel Regno Unito, ha rilevato che l’esposizione a livelli più elevati di ossido di azoto prodotti dalle automobili ha aumentato il rischio di disturbi mentali del 38%.

Inoltre, la ricerca ha constatato che l’inquinamento da nanoparticelle, provenienti dalla combustione di combustibili fossili, aumenta il rischio del 18%.

I gruppi più a rischio sono le persone che vivono in zone altamente inquinate e sono state esposte a tali agenti inquinanti per gran parte della loro vita.

Tuttavia, tali studi non possono dimostrare la causa diretta, e gli stessi sperimentatori hanno riconosciuto che possono esserci anche altri fattori che portano alla malattia mentale, tra questi anche l’inquinamento. Anche per questo motivo diventare fondamentale migliorare la qualità dell’aria.

Lo studio del Dr. Calderon-Garcidueñas

Come se non bastasse, un altro studio recente, quello del Dr. Calderon-Garcidueñas, ha scoperto che le nanoparticelle inquinanti entrano nei nostri corpi quando respiriamo e mangiamo. Un accumulo di queste particelle è stato trovato nel tronco cerebrale di persone di età compresa tra 1 e 27 che sono stati spesso esposti all’inquinamento a Città del Messico.

Le fonti di XS News

Le fonti di riferimento sul tema inquinamento dell’aria e salute mentale, che gli interessati possono leggere in dettaglio, sono:

Vuoi migliorare la qualità dell’aria nella tua città?


Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *