Deprecated: Elementor\Utils::is_ajax è deprecata dalla versione 2.6.0! Al suo posto utilizza wp_doing_ajax(). in /home/customer/www/climatechangeisreal.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5211
Coronavirus: l'impatto sull'inquinamento - Climate change is real
coronavirus impatto inquinamento

Coronavirus, quale impatto sull’inquinamento?

Share on Social

Il Coronavirus sta totalmente stravolgendo le nostre abitudini comportando un cambiamento globale della nostra vita.

Per prevenire il contagio i governi dei vari paesi del mondo stanno varando misure che limitano gli spostamenti e il contatto umano.

Tutto ciò sta generando dei benefici per l’inquinamento delle nostre città e per l’ambiente in generale.

Gli effetti del Covid 19 sull’inquinamento

Lo stop a tutte le attività umane ha generato una diminuzione drastica della co2 nell’aria che, oltre a salvare le persone dal Covid 19, potrebbe salvare le popolazioni dall’inquinamento.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha stimato che ogni anno circa 8 milioni di decessi siano attribuibili alla concentrazione di polveri sottili e smog delle nostre città.

Tra i paesi che hanno subito maggiormente la paralizzazione delle attività ci sono in primis Cina e Italia.

In Cina gli studiosi hanno potuto osservare un netto calo del 30% dei livelli di biossido di azoto nell’aria.

Un rapporto pubblicato da Greenpeace ha evidenziato come Pechino sia l’ottava capitale con maggiori concentrazioni di PM 2.5 al mondo.

Un confronto pubblicato dalla Nasa ha mostrato una diminuzione della concentrazione di diossido di azoto pre e post misure restrittive.

Inquinamento pre-coronavirus e dopo le misure restrittive del governo cinese

Inquinamento-Coronavirus in Italia

In Italia, i dati del satellite Copernicus hanno registrato come in Cina un netto calo degli inquinanti e dello smog.

Il decreto del 12 marzo sottoscritto dal Premier italiano Giuseppe Conte ha sancito:

  • la chiusura di tutte le scuole
  • incentivato lo smart working e il lavoro agile
  • chiuso tutte le attività commerciali che non soddisfano beni di prima necessità salvo alcune eccezioni fino al 3 aprile.
  • vietato gli assembramenti
  • vietato l’uscita di casa senza autocertificazione che attesti motivi di lavoro, salute e spese alimentari.

Queste misure adottate hanno contribuito in maniera considerevole nel limitare gli spostamenti e favorire una boccata di ossigeno per le nostre città.

In particolare, la Pianura Padana ha riscontrato una drastica riduzione degli agenti inquinanti nell’aria come evidenziato dalla foto del satellite Copernicus

Inquinamento pre-coronavirus e dopo le misure restrittive del governo italiano

Conclusione

Il Coronavirus sta generando gravi danni all’economia mondiale, causando innumerevoli vittime e rendendo la vita difficile a tutto il mondo.

Il cambiamento forzato delle nostre abitudini ci rende schiavi nella lotta contro un nemico invisibile che minaccia la nostra esistenza e le persone care.

Ma, come scriveva Eraclito, “Panta Rhei” ossia “Tutto scorre”, tutte le cose di questa vita passano e ritorneremo a vivere in tempi felici.

Da questa esperienza, però, ci porteremo in dote la consapevolezza che cambiare le nostre abitudini è difficile, ma dopo questa tremenda emergenza cambiare per il clima sarà meno ostico se tutti insieme ci daremo una mano.

Ti potrebbe interessare: Prevenire il Coronavirus con l’alimentazione e le piante

prevenire il coronavirus
Prevenire il Coronavirus con rimedi naturali

Share on Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *